Andrea Caporizzi - Cuoco a domicilio

antonio caporizzi

 

Cambio vita e faccio il cuoco a domicilio! Andrea Caporizzi era stanco del suo vecchio lavoro d'ufficio. E in quel momento si è fermato, si è guardato intorno e ha sviluppato la sua passione per la cucina. Grazie a una buona inventiva e all'aiuto della rete oggi non tornerebbe più indietro!

 

Nome: Andrea Caporizzi
Età anagrafica: 40 anni
Città: Bologna
Formazione di partenza: liceo scientifico, poi da aiuto magazziniere fino a distribution manager in una multinazionale nel settore dell'abbigliamento e poi decoro d’interni
Lavoro precedente: store manager
Attuale lavoro da wwworker: cuoco a domicilio su HomeCooking.it
Cos'è il lavoro in un tweet: un rapporto ampiamente favorevole tra ciò che si guadagna ed il tempo che ci resta per goderne
In cosa consiste il lavoro: cucinare nelle case delle persone ciò che loro stessi vorrebbero fare ma non ne hanno il tempo, la voglia o le capacità
Compenso/profitto: circa 2.200 euro al mese
Potenzialità riscontrate dal lavoro in rete: senza la rete sarebbe stato impossibile cominciare e farmi conoscere
Problematiche riscontrate dal lavoro in rete: molto banalmente l’indicizzazione del sito, risolta con degli annunci mirati su siti di annunci gratuiti
Il tuo slogan/motto: "Il piacere della tavola è di tutte le età, di tutte le condizioni sociali, di tutti i paesi e di tutti i giorni. Può associarsi a tutti gli altri piaceri, e resta, ultimo, a consolarci della loro perdita". (Anthelme Brillant-Savarin)
Segni particolari: scrupoloso e professionale


Ciao Andrea. Ci spieghi cosa vuol dire essere un cuoco a domicilio?
Detto banalmente vuol dire che i clienti mi chiamano e mi chiedono di preparare un pranzo o una cena a casa loro. Detto come lo intendo io significa cercare di accontentare il cliente proponendogli un menù vario adatto alle proprie esigenze, cercando di essere discreti e offrendo un servizio impeccabile.

Perché proprio a domicilio?
Perché è un servizio che non tutti fanno e che mi piace: con il mio lavoro posso stare a contatto con i clienti e stabilire un rapporto che al ristorante non c'è. In più in questo modo ho potuto sfruttare il web per farmi conoscere, 15 anni fa avrei dovuto spendere una fortuna per pubblicizzarmi!

Quando hai maturato l'idea di lasciare il lavoro che avevi a tempo indeterminato per lanciarti nella cucina a domicilio?
Cucinare è sempre stata una delle mie passioni più belle. Devo però dire che ho iniziato a idealizzarla come lavoro solo 3 o 4 mesi prima di licenziarmi.

Riusciresti a tracciarmi un profilo del tuo cliente medio?
In linea di massima il mio cliente medio ha tra i 33 ed i 55 anni, generalmente sono persone con una cultura medio alta e spesso con una laurea in mano.

Quanto costi per una cena o un pranzo?
Contrariamente a quel che si può pensare non costa molto una cuoco a domicilio. I prezzi, che non sono sul sito, variano a seconda di molte variabili: numero di portare, numero di coperti, ingredienti utilizzati, il tempo che sto in cucina.

In quali occasioni vieni chiamato più spesso?
Vengo chiamato da persone che devono ricambiare una cena, da persone che non sanno cucinare, da un gruppo di amici, per una cena romantica, ecc. Contrariamente a quanto pensavo, però, nella maggior parte dei casi vengo contattato per compleanni o ricorrenze varie.


banner sito 2017

Il libro dei wwworkers

libro1Wwworkers (Gruppo24Ore) è un manuale scritto da Giampaolo Colletti, con la prefazione di Andrea Rota (eBay) e la postfazione di Luca Tremolada (Sole24Ore).

Il libro degli artigeni

libro ArtigeniSEI UN GENIO! è il nuovo libro di Giampaolo Colletti edito da Hoepli. Racconta la rivoluzione degli Artigeni con 150 storie di artigiani e lavoratori dalle idee geniali. Acquista online

wwworkers su Metro

Metro 08062016 tagliata

Leggi gli articoli su Metro

wwworkers su Millionaire

Millionaire Giugno
Leggi gli articoli su Millionaire

I wwworkers sono raccontati su

fatto-quotidiano metro nova-24 millionaire